BaselWorld: esposizione mondiale di orologi e gioielli

BaselWorld

foto tratta da thechinesetimekeeper.org

Se siete grandi appassionati di gioielli e orologi o vi ritenete esperti nel settore, non perdete altro tempo. Salite sul primo aereo, su un treno o sulla vostra auto e correte oltre il confine, in Svizzera, più precisamente a Basilea; proprio in questi giorni e fino al 2 maggio potrete assistere alla più grande esposizione mondiale di orologi e gioielli. Più di 1.460 espositori e oltre 100.000 visitatori specializzati provenienti da tutto il mondo si ritroveranno nella cittadina svizzera per questo grande evento: tutto questo è BaselWorld 2013, una gigantesca fiera del gioiello che vi lascerà senza fiato.

DI COSA SI TRATTA

Ogni anno in primavera, in questo periodo dell’anno, a Basilea all’incirca 1’800 aziende dei settori orologeria, gioielleria, pietre preziose e affini presentano le loro novità e innovazioni; si tratta di un evento di portata globale in cui sono presenti tutti i maggiori brand dei sopracitati settori, che costituiscono una vera e propria calamita per i fortunati visitatori, i quali arrivano da ogni parte del mondo per scoprire in anteprima le tendenze attuali e le ultimissime creazioni. Insomma, un luogo ideale, oltre che per gli appassionati, per i commercianti, sia all’ingrosso che al dettaglio, i quali hanno a disposizione una possibilità unica di fare networking con i rappresentanti dei maggiori brand del settore e con un gran numero di potenziali clienti. I numeri della scorsa edizione la dicono lunga:

–          Circa 104’000 visitatori da 100 paesi

–          1’815 espositori da 45 paesi

–          3’300 giornalisti accreditati da 70 paesi

–          Circa 160’000 mq di superficie espositiva

L’EVENTO

Location

foto tratta da architecturetrips.com

L’edizione 2013 del BaselWorld sta avendo luogo in questi giorni, più precisamente dal 25 aprile al 2 maggio, all’insegna del motto “Brilliance Meets”. Da quest’anno, l’evento ha però una location diversa, nuova di zecca e super innovativa: dopo un investimento di circa 430 milioni di franchi e ventidue mesi di cantiere, con la famosa e proverbiale puntualità svizzera, i 38mila metri quadri di acciaio e vetro del nuovo quartiere fieristico di Basilea sono stati consegnati in tempo perfetto per l’inaugurazione di Baselworld 2013. La novità architettonica, firmata Herzog & de Meuron, rappresenta il vero fiore all’occhiello della 41esima edizione del più grande e importante salone mondiale dedicato alle novità dell’orologeria e della gioielleria. Il progetto era stato svelato sette anni fa e oggi questa fiera può avere ancora più superficie espositiva, fino a 141.000 metri quadrati. Numeri impressionanti che testimoniano lo sviluppo negli anni di questo evento che, nonostante la crisi globale, riesce a raggiungere gli obiettivi prefissati dagli organizzatori.

LA LOGISTICA DELL’ESPOSIZIONE

Durante la conferenza stampa di presentazione dell’evento Sylvie Ritter, Managing Director di BaselWorld, ha descritto quella che è la struttura logistica del salone, sottolineando il fatto che negli ultimi anni i settori dell’orologeria e della gioielleria si sono progressivamente avvicinati e, in questa edizione, nei padiglioni si presentano uno affianco dell’altro. Nello specifico, i padiglioni saranno quattro, organizzati secondo un determinato ordine e una precisa classificazione. Nel primo ci saranno i “Global Brands”, ossia i marchi di orologi e gioielli che hanno una certa importanza a livello globale e con una rilevanza unica nel mondo. Nel Padiglione numero 2 si presentano sotto il titolo “International Brands” quelle aziende che sono attive a livello internazionale nel settore dell’industria dell’orologeria e gioielleria; anche queste sono rappresentate in vari paesi anche se non a livello mondiale. Gli espositori di perle, pietre preziose e diamanti, presenteranno i loro prodotti in un apposito settore denominato “Stones and Pearls” all’interno del Padiglione 3; come gli altri, anche il layout di questo padiglione è stato completamente ristrutturato e adeguato alle esigenze degli espositori. Infine, nel Padiglione numero 4, avranno spazio i rappresentanti di macchinari e della subfornitura e i “National Pavillons”, con il posizionamento degli espositori per paese di provenienza.

BASELWORLD E COMUNICAZIONE

Applicazione

foto tratta da swisswatchwire.com

Mai come quest’anno Baselworld si presenta come un salone all’avanguardia anche dal punto di vista comunicativo. Sfruttando le possibilità che offrono i nostri tempi, durante questa edizione l’organizzazione ha dato la possibilità di assistere a diverse significative novità. Una è sicuramente il BaselWorld Brand Book, una pubblicazione che per la prima volta offre la facoltà di avere una panoramica del mondo della gioielleria e dell’orologeria. Un’altra lettura consigliata è quella del BaselWorld Selection, una novità per avere una visione dei fornitori di perle, pietre o dell’industria dei macchinari. Accanto ai canali del commercio tradizionale, però, BaselWorld ha dimostrato di conoscere e saper sfruttare al meglio le dinamiche comunicative che offre il web e la tecnologia in generale: in primis perché ha creato un’app gratuita con mappe interattive in 3d e la possibilità di creare una sorta di taccuino di appunti digitale; in secondo luogo perché ogni giorno pubblica un e-magazine; infine, particolare affatto di poco conto, perché è una delle poche manifestazioni globali ad aver aperto un suo profilo su Weibo, il più importante social network della Cina, che come ormai ben si sa rappresenta uno dei mercati più floridi a livello globale.

A proposito di mercato cinese espongo un dato significativo: quando lo scorso mercoledì il BaselWorld ha aperto i battenti, il think tank Digital Luxury Group ha diffuso la versione completa del suo nono WorldWatchReport , con l’analisi dell’andamento delle ricerche web relative a 62 marchi in 20 paesi: tralasciando la ben affermata leadership di Rolex, comunque limata anno dopo anno da Omega, i settori che registrano più ricerche sono l’alta orologeria ed in particolare il segmento “watches & jewelry”, in perfetta sintonia con le scelte anche organizzative di Baselworld. È proprio qui, nell’online, che Cina e Asia tornano a far sorridere i brand: a fronte di un interesse globale in aumento del 3,3%, dalla sola Cina proviene 1/4 delle ricerche web globali, in crescita del 36%. Ricerche che poi si traducono in vendite, soprattutto quando i ricchi turisti cinesi viaggiano all’estero. Anche in Svizzera, per visitare i nuovi spettacolari padiglioni del BaselWorld, il più spettacolare salone espositivo nel mondo dell’orologeria e dell’alta gioielleria.

Articoli correlati:

The following two tabs change content below.
Vincenzo Marchese

Vincenzo Marchese

Dottore in Comunicazione e Società. Dinamico e attivo, amante della tecnologia e dello sport. Copywriter e web marketer, esperto in comunicazione, marketing e organizzazione di eventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.