Lo smeraldo – Tra storia e leggenda

lo smeraldo | igj.it

fotografia tratta da igavelauctions.com

Cenni storici

Il termine smeraldo deriva dal latino smaragdus ed ha origine, a sua volta, dal greco smaragdos che significa letteralmente “gemma verde”.
Fin dai tempi antichi, sono molte le storie d’avventura attribuite a questo magico oggetto del desiderio.
Le popolazioni Inca ed Azteche presenti nel Sud America, terra nella quale ancor oggi si trova la pregiata pietra verde, la reputavano sacra.
Tra il 3.000 ed il 1.500 a.C., le ormai esaurite miniere di gemme dislocate presso il Mar Rosso vennero appellate dai faraoni egizi “Miniere di Cleopatra”.
Addirittura nelle antiche scritture sacre dell’Induismo, il Veda, furono elogiate le virtù guaritrici della pietra verde attraverso espressioni quali «gli smeraldi promettono fortuna» o ancora «lo smeraldo migliora il tuo benessere».
E ancora, i Maragià indiani amavano custodirli nei loro scrigni preziosi.
Oggi, alcuni fra i più famosi smeraldi come il cristallo colombiano da 632 carati, la collezione di cristalli dal peso fra 220 e 1796 carati ed il diadema dell’ex Imperatrice Farah, possono essere ammirati nei rispettivi luoghi di pregio: il Museo di Storia Naturale di New York per il primo, la Banca di Bogotà per la seconda ed il Tesoro dell’Iran per l’ultimo.

Proprietà magiche e leggende

La storia e le leggende riportano testimonianze di antichi giacimenti egiziani risalenti fra il 3.000 ed il 1.500 a.C., sfruttati dai faraoni ed in particolar modo dalla regina Cleopatra.
Sia gli egiziani che successivamente i romani attribuivano allo smeraldo portentose virtù. Si pensava che la gemma dedicata alla dea Venere, simbolo di bellezza e di rinascita della natura in primavera, se portata al dito, conferisse amore e fortuna.
Si riteneva inoltre che se osservato bene, potesse migliorare la vista e se danneggiato, conducesse a ingloriose sventure e morte.
Altre leggende peruviane narrano che gli indigeni venerassero uno splendido smeraldo quale simbolo di “dea della castità” e che gettassero oro e gemme preziose nelle acque del lago Titicaca in segno di sacrificio e devozione.
Nel Buddhismo è considerato uno dei “sette tesori” e, ancora oggi, molti attribuiscono alla pietra verde la facoltà di protezione da spiriti, demoni, fantasmi e paure.

smeraldo gemme | igj.it

fotografia tratta da tuvemark.se

Lo smeraldo – In breve

Classe minerale: ciclosilicati, famiglia del berillo.
Formula chimica: Be3Al2(Si6O18) + K, Li, Na + (Cr)
Elemento: Acqua (sfera delle emozioni e della femminilità)
Chakra: Quarto chakra Anahata (Cuore)

Vuoi scoprire come riconoscere il valore di uno smeraldo ed il suo effetto sulla psiche? Leggi qua!

Articoli correlati:

The following two tabs change content below.
Mara Gotti

Mara Gotti

Dottoressa in comunicazione visiva multimediale. Amante dei social network, dell'ascolto, della chiacchiera costruttiva, della musica, della fotografia e del web. Community manager, Copywriter & Webdesigner.

5 pensieri su “Lo smeraldo – Tra storia e leggenda

  1. Pingback: Lo smeraldo – Valore, taglio ed effetti sulla psiche | IGJ.IT

  2. Pingback: Le gemme più preziose del pianeta: il rubino

  3. Pingback: Acquamarina: il fascino di una gemma | Gioielli Preziosi | IGJ.IT

  4. Pingback: Viaggio alla scoperta delle origini della collana - IGJ.IT

  5. Pingback: Le gemme più preziose del pianeta: lo zaffiro - IGJ.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.