Le gemme più preziose del pianeta: il rubino

Il Rubino - PhotoDopo aver approfondito al meglio una delle pietre più intriganti al mondo come lo smeraldo, oggi continueremo il nostro viaggio incentrando l’attenzione su un’altra tra le gemme più preziose del pianeta: il rubino.

DESCRIZIONE

Ossido di alluminio appartenente alla famiglia del corindone, il rubino è un minerale fortemente allocromatico e unica sostanza naturale di durezza 9 nella Scala di Mohs. Esso si forma nelle rocce metamorfiche da contatto di sedimenti ricchi di alluminio e marmi dolomitici; si tratta di una pietra molto rara e rappresenta una delle quattro gemme più preziose al mondo insieme allo zaffiro, allo smeraldo e al diamante. Le sue dimensioni di norma non sono eccezionali e, anzi, sono molto legate alla trasparenza; per questo motivo si ritengono eccezionali i rubini limpidi che superano i 10 carati. Il suo tipico colore rosso è dovuto alla presenza di tracce di cromo nel suo interno; esso può assumere varie tonalità, che vanno dal rosso più vivo, detto anche “sangue di piccione”, fino al rosato. Tonalità che variano anche a seconda del luogo di estrazione: rubini di colore rosso scuro intenso si trovano in Birmania, rosso bruno in Thailandia e rosato violaceo in Sri Lanka.

Rubino Grezzo Tabulare - Photo by kalima.it

CENNI STORICI  E SIGNIFICATO

Il rubino, che deriva dal latino “rubeus” (rosso), è una pietra dal grande valore economico e simbolico, che però non ha lasciato grosse tracce del suo passaggio tra le varie popolazioni che si sono succedute nel tempo a varie latitudini. Ciò è dovuto in gran parte al fatto che, trattandosi di una gemma molto rara, nell’antichità veniva spesso confusa con altre pietre di colore rosso; due tra gli esempi più celebri e lampanti sono senz’altro “il rubino del Principe Nero” e il “rubino del Timur”: in questo caso solo i moderni mezzi gemmologici, che hanno permesso un’analisi più accurata del tipo di cristallo, hanno sgomberato ogni dubbio classificandoli come spinelli.

Quanto però a significato probabilmente non è secondo a nessun’altra gemma: nelle antiche culture europee e indiane, infatti, il rubino veniva descritto come la pietra del sole, simbolo di passione ed energia vitale. I Birmani, invece, lo apprezzavano non solo per la sua inebriante bellezza, ma anche perché essi ritenevano potesse conferire invulnerabilità: per questo motivo propiziatorio veniva utilizzato dai soldati durante le battaglie. Per non parlare di altre culture a noi non troppo distanti, che lo classificavano come amuleto protettivo o, addirittura, pietra della ricchezza. Insomma, un vero e proprio re delle gemme, o “Ratnaraj”, come viene definito in sanscrito.

IL RUBINO IN BREVE

Classe minerale: ossidi, famiglia del corindone
Formula chimica: Al2O3 + Cr, Ti
Elemento: Fuoco: (sfera dell’energia e della forza maschile)
Chakra: Primo chakra Muladhara (“Radice”)

Scopri le gemme di Rubino certificate! Clicca qui!

Articoli correlati:

The following two tabs change content below.
Vincenzo Marchese

Vincenzo Marchese

Dottore in Comunicazione e Società. Dinamico e attivo, amante della tecnologia e dello sport. Copywriter e web marketer, esperto in comunicazione, marketing e organizzazione di eventi.

Un pensiero su “Le gemme più preziose del pianeta: il rubino

  1. Pingback: Le gemme più preziose del pianeta: lo zaffiro - IGJ.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.